Fenice batte Genzano 3-0

Fenice batte Genzano 3-0

Fenice Pallavolo – Genzano 3-0
(25-22, 25-19, 25-17)

 

Fenice Pallavolo: Sanchirico 2, Sablone 11, Bucchi, Sarcina F. 3, Pomponi 1, Diociaiuti (L), Piedepalumbo 6, Bondini 14, Barone (L), Gennamari, Guidi 8, Danese, Sturvi 8, Sarcina D.. All Giordani; all 2 Cianci

Battute sbagliate: 15 Ace: 9 Muri: 11

Genzano: Marrazzo 1, Rossi, D’Amico 4, Cicchinelli 8, Antinori 2, Sanfilippo, Lentola 6, Evangelista, Gaudieri (L), Petrolini (L), Martini, Losco 10, Peluso 2. All: Fabrizio Ferrini, Paolo Rossi

Battute sbagliate: 11 Ace: 4 Muri: 5

Arbitri: Marco Gasparrini, Livia Azzolina

 

 Inizia alla stragrande il 2020 per la Fenice Pallavolo Roma che, tra le mura amiche del PalaFerretti, batte Genzano con un risultato netto. Una vittoria casalinga che mancava dal 2 novembre scorso, la prima della stagione da 3 punti, che dà il benvenuto al nuovo anno facendolo partire sotto i migliori auspici. Un successo che consente ai ragazzi di Giordani di raggiungere quota 20 punti, al pari della SS Lazio, seconda solo per differenza set. Davanti, a 7 punti, c’è Civita Castellana, mentre dietro ma a distanza ravvicinata, a 19 punti, ci sono le due formazioni cagliaritane. Nella 12esima giornata la Fenice osserverà un turno di riposo e riprenderà il 25 gennaio, per la 13esima giornata, ultima del girone di andata, per la quale affronterà La Maddalena, attualmente settima a 16 punti.

I blackorange iniziano la gara con qualche errore, non riescono a dare continuità al servizio, mentre gli avversari appaiono più aggressivi e vogliosi di mettere palla a terra (7-8). Giordani decide di dare una svolta ai suoi inserendo Sarcina al servizio che mette in seria difficoltà la ricezione avversaria, dando quella continuità dai nove metri che mancava; dal 14-16 la Fenice riesce a ribaltare la situazione, prendendo il controllo della situazione anche sotto rete e, complice anche qualche salvataggio acrobatico del libero Diociaiuti, concede a Genzano solo 1 punto, per chiudere poi con 3 punti di scarto. Il secondo parziale inizia con un avvicendarsi di break e contro break tra le due formazioni; non regge però il ritmo la formazione ospite, che alla lunga fatica a tenere il passo della fenice, più caparbia nei momenti che contano e soprattutto in grado di mantenere alto il ritmo fino a fine set. Nella terza frazione i padroni di casa partono subito con il turbo, complice un reparto offensivo arcigno e determinato ma soprattutto una grande e palpabile voglia di 3 punti: Giordani mette in campo, con successo, quasi tutta la sua panchina; tutti gli inserti danno un prezioso contributo per il risultato che non si fa attendere. Bondini e Guidi alzano le palizzate sotto rete, Sturvi riesce a mettere a terra palloni importanti e la ricezione mette in condizione la regia di Piedepalumbo di fare scelte intelligenti e mai scontate. Con una Fenice così fioccano gli errori della squadra avversaria che non riesce più ad arginare un successo ormai alle porte. Finisce tra le ovazioni del folto pubblico del PalaFerretti, che applaude alla brillante prestazione blackorange.

“Finalmente è arrivata la vittoria in casa che desideravamo da tanto tempo!” dice con grande soddisfazione il Capitano Emanuele Bondini a fine partita. “La pausa natalizia ci è servita a riorganizzare le idee; inoltre abbiamo lavorato duro sia a livello tecnico che a livello fisico e i risultati si sono visti. In campo si è visto il gruppo, sono state fatte le scelte giuste e ci siamo meritata la vittoria”.

Grande soddisfazione per il Tecnico Massimiliano Giordani: “Meglio di così non si poteva chiedere. Abbiamo auto un periodo natalizio importante, ci siamo allenati molto sotto l’aspetto fisico e mentale. Venivamo da una vittoria nell’ultima gara del 2019 e volevamo far bene finalmente in casa; a parte qualche impasse nel primo set poi abbiamo preso in mano anche la direzione tattica della gara. I ragazzi hanno preso in mano la responsabilità di voler far bene e dare un contributo alla squadra quindi pescare dalla panchina per fortuna è molto, molto semplice”.

No responses yet

Lascia un commento